I problemi strutturali dell’occhio limitano la Capacità Visiva, quindi la percezione

Una Ridotta Acuità Visiva limita le attività cognitive e l’autonomia personale

L’occhio è l’organo preposto alla visione, funzione essenziale non solo per capire dove siamo o per deambulare ma anche per acquisire informazioni, stare in equilibrio,  alimentare le nostre capacità cognitive, di crescita e  sviluppo, determinare la nostra QUALITA’ di VITA.

Ogni piccola e/o grande limitazione (Problema Visivo) riduce in proporzione l’entità delle informazioni che giungono al nostro cervello, pertanto condizionano la VITA

IPERMETROPIA

Occhio_Ipermetrope_pi_corto_problemi_visivi

Il bulbo oculare non  è sviluppato totalmente nella sua forma o quanto meno nel suo asse visivo che è più corto della norma. Solitamente ha una struttura rigida, accompagnata da una Ridotta Capacità Accomodativa e Visiva (7-8/10). Difficilmente si modifica nel tempo, non miopizza quindi non si adatta alle esigenze visive ravvicinate come richiesto dall’attuale società in particolare nelle attività di studio e di lavoro.
Un esempio eclatante riguarda i bambini ipermetropi e/o affetti da Ridotta Capacità Accomodativa i quali incontrano grosse difficoltà nello studio, fino ad accusare spesso Mal di Testa e di conseguenza abbandonare lo studio nel 25% dei soggetti in età scolare come affermato dalla OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e dal nostro Ministero della Salute.

SOLUZIONI: L’adozione di lenti ad elevata tecnologia quali le lenti ad ” Alta Definizione ” le ” Office” o le ” Progressive” fin dall’età scolare possono offrire una qualità di vita normale ed uno sviluppo cognitivo completo
 

ASTIGMATISMO

Astigmatismo_Corneale_problemi_visivi Le immagini/lettere si vedono sdoppiate e sovrapposte in quanto le superfici della cornea e/o del cristallino non sono perfettamente sferiche. Per compensare tale problema il soggetto assume posture anomale come la rotazione/inclinazione della testa con  conseguenti tensioni muscolari e craniali, sfocianti in affaticamento e/o mal di testa. Può essere presente sia nei soggetti miopi che in quelli ipermetropi.  La correzione con occhiali risulta solitamente difficile da tollerare per cui solitamente viene corretta solo parzialmente, permanendo in tal modo parte degli effetti collaterali su citati ed una Capacità Visiva ridotta in termini di decimi.

Soluzioni: Per eliminare il problema è necessario tendere alla correzione totale dell’astigmatismo, perseguibile solo per tappe adottando lenti di elevata tecnologia e qualità oppure lenti a contatto semirigide specifiche.

CheratoconoCHERATOCONO 

A grandi linee può essere paragonato ad un astigmatismo elevato. Si configura come un prolasso della superficie corneale anteriore, con l’apice del cono posizionato verso il basso e verso il naso del soggetto. Solitamente si manifesta sui 20 anni, è progressivo, e comporta una Capacità Visiva compresa fra 1/10 e +- 4/10 con la migliore correzione con l’occhiale tradizionale, quindi con importanti limitazioni per l’ottenimento o il rinnovo della patente di guida.

Soluzioni: Innanzitutto la diagnosi precoce, specialmente nei soggetti a rischio ereditario e/o nei ventenni con un semplice strumento come il Test di “AMSLER” da noi fornito GRATUITAMENTE, quindi la visita Oculistica Specialistica.

Una volta diagnosticato il CHERATOCONO è correggibile con Lenti a Contatto Semirigide specifiche per un visus pari a 7 – 8 – 9 /10 e con lenti da occhiali BIASTIGMATICHE una vera novità tecnologica in assoluto, per un visus pari a 5 – 6 – 7 /10

per scaricare gratuitamente il Test di Asmler clicca qui 

per prenotare una consulenza personalizzata clicca qui

Forie_-_StrabismoSTRABISMO e/o FORIE

I due assi visivi non sono paralleli ma divergono. Le FORIE sono lievi e/o latenti e provocano posture anomale del capo, affaticamento e/o Mal di Testa. Nel caso di Strabismi sono manifeste, oltre all’aspetto estetico amplificano i problemi su citati.

 

Soluzioni: Sono correggibili adottando lenti specifiche con un PRISMA e/o con l’intervento chirurgico

 

DIPLOPIA

Si intende la visione doppia di uno stesso oggetto. Si verifica quando si è in presenza di strabismo essendo deviati gli assi visivi. Un oggetto stimola due punti della retina non corrispondenti nei due occhi, dando luogo alla formazione di due immagini distinte. Questo avviene perché nel cervello le due immagini non si ‘fondono’.

Soluzioni: Come nel capitolo precedente  si adottano lenti specifiche applicate su montature molto contenute e personalizzate, una nostra esclusiva

 

 

Anisometropia_probleimi_visiviOCCHIO PIGRO – ANISOMETROPIA – AMBLIOPIA 

Uno dei due occhi vede molto meno dell’altro e spesso ha un potere diottrico sostanzialmente diverso dell’altro, per cui spesso si ha una visione Monoculare e l’assunzione di posture anomale accompagnate da problemi di discomfort e dolore, visione imprecisa soprattutto nella profondità di campo.

Soluzioni: Adozione di Lenti a Contatto e Occhiali dalla montatura contenuta e fortemente personalizzati per raggiungere la totale correzione diottrica dell’occhio pigro e innescare la visione binoculare.
Solo con prodotti di elevata tecnologia è possibile raggiungere un risultato efficace

SINTESI

Le su citate problematiche visive identificate in modo estremamente sintetico, hanno in comune i seguenti elementi :

  • Le deficienze visive, dalle più piccole alle più importanti inducono inevitabilmente a compensazioni posturali. Queste creano tensioni muscolari e craniali che si cronicizzano in affaticamento e Dis-Comfort . Il tutto, nella maggioranza dei casi provoca Mal di Testa, dolori Cervicali, alle spalle, alla spina dorsale, deambulazione anomala, etc.
  • NON sono correggibili con Occhiali normali.  Richiedono protocolli operativi e prodotti altamente tecnologici e personalizzati in quanto l’obiettivo non è solo quello di far vedere meglio, ma anche ridurre o se possibile eliminare le manifestazioni di dolore.
  • In tale contesto risulta essenziale l’intervento interdisciplinare del Fisiatra, dell’Oculista, dell’Ottico e del Posturologo.
  • Tali affermazioni sono confortate dai dati positivi dei casi sin qui trattati.