Non riesco a leggere il giornale, il libro, …

Se NON riesci a leggere il giornale nonostante i Tuoi occhiali
se non riesci a leggere l’ora sul Tuo orologio, se o tuoi occhiali sono insufficienti per quello che vuoi VEDERE…. non rinunciare, esistono le NUOVE TECNOLOGIE OTTICHE 

Manifesta svogliatezza nello studio, affaticamento, mal di testa, iperattività, aggressività, o comunque gli insegnanti dicono “il bambino potrebbe fare di più ma non si applica” NON prenderlo a ceffoni ma domandati se per caso è affetto da RCA (Ridotta Capacità Accomodativa)
Il 25% e più dei bambini in età scolare sono affetti da RCA e la maggior parte di essi, prima o poi abbandonano gli studi.

Cos’è la RCA (Ridotta Capacità Accomodativa)

quando un soggetto presenta difficoltà più o meno elevate nel dilatare/restringere il cristallino, e quindi passare agevolmente da una visione da lontano ad una focalizzazione da vicino e viceversa.

LA PRESBIOPIA :

Dai 45 anni di età in poi è un fenomeno normale, conosciuto da tutti, ma prima di tale età ed in particolare nei bambini in età scolare è un grosso problema, in quanto NON è CONOSCIUTO dai genitori, in linea di massima NON viene diagnosticato dai Medici Italiani, ma crea GROSSE difficoltà nello studio, spesso genera affaticamento e mal di testa.e induce all’abbandono degli studi.

Nella nostra società europea la RCA – Ridotta Capacità Accomodativa, si manifesta intorno ai 45 anni di età (in altre etnie anche prima) e viene definita come PRESBIOPIA.
Si può compensare facilmente adottando degli occhiali da vicino o delle lenti Office e/o Progressive.

RCA – RIDOTTA CAPACITA’ ACCOMODATIVA

La OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità) ed anche il nostro Ministero della Salute, stimano come la stessa problematica sia presente in modalità significative almeno nel 25% circa dei bambini in età scolare, ed in modo meno evidente in percentuali più elevate. Pertanto ne consegue che i bambini affetti da tale problematica RCA, siano assimilabili dal punto di vista delle difficoltà visive ai 45 – 50 enni PRESBITI, e quindi abbiano grosse difficoltà nell’attività scolastica e di apprendimento se NON compensati adeguatamente come si fa con un 45 – 50 enne.

Solitamente i bambini svogliati non sanno identificare/esprimere la causa del loro disagio nelle attività ravvicinate, di contro i genitori, gli insegnanti, i professionisti della visione, non dispongono della cultura e delle conoscenza per identificare tale problematica, le ASL non effettuano screening visivi di massa in età pre-scolare e scolare, quindi NESSUNO individua la RCA

Pertanto naturalmente i bambini manifestano il loro GRAVE DISAGIO, con atteggiamenti di svogliatezza, abbandono dello studio, iperattività, agressività, dislessia, a volte anche episodi di autismo.

Per CAPIRE quale sia il disagio di un bambino affetto da RCA è sufficiente  obbligare un 50 enne a studiare/leggere in modo prolungato senza gli occhiali da vicino. E’ praticamente IMPOSSIBILE, comunque proverebbe un forte disagio, notevole affaticamento, mal di testa, rossore oculare e altri fastidi correlati.
La stessa situazione la vive un bambino affetto da RCA conclamata, … ma non ha la possibilità di esprimersi o adottare di sua iniziativa un occhiale da vicino … qualcuno deve provvedere per lui.

Cosa FARE :

Per risolvere i GRAVI PROBLEMI riconducibili alla RCA (Ridotta Capacità Accomodativa) quali : disagio, svogliatezza, abbandono dello studio, iperattività, agressività, dislessia e forse in parte di autismo, spesso
è sufficiente un occhiale da vicino o meglio un’occhiale Office e/o Progressivo.

Per verificare se si è in presenza di RCA = Ridotta Capacità Accomodativa, è sufficiente effettuare uno Screening Visivo, quando inizia l’attività scolastica

Pochi sanno che lo screening visivo nei bambini è fattibile dai 6 mesi di vita in poi ed in particolare è consigliato ai 2 anni, ai 4 anni e 6 anni

Fai un REGALO a Tuo figlio,
prenota subito un Controllo Strumentale   GRATUITO
della Capacità Accomodativa cliccando sull’icona sottostante

oppure chiedi informazioni telefonando allo 041 959 844